1.4.2020: Servizio telefonico per i buoni spesa: linee intasate e risposta del Coeso

Dalle ore 15 di oggi, è partito il servizio per la richiesta telefonica dei buoni spesa. Ci giungono segnalazioni di linee intasate, con persone che non sono riusciti a parlare con l’operatore, nonostante decine e decine di tentativi.

E’ abbastanza comprensibile come le richieste siano state tantissime e la possibilità di rispondere limitata.

Di seguito un comunicato del Coeso (emesso poco dopo le 16 di oggi) in cui si danno delucidazioni.

E’ importante segnalare che da domani il servizio sarà attivo tutta la giornata (9-18, sabato 9-13) e quindi saranno più ampie le possibilità di risposta.

ci auguriamo che dopo le verifiche di domani, nel caso le linee risultassero ancora intasate, il Coeso possa attivare nuove linee/operatori per un servizio importantissimo in questo momento ancor più difficile per le persone in difficoltà economica.

E’ attivo da poco più di un’ora il servizio di triage telefonico per richiedere i buoni spesa per i cittadini de i comuni dell’area socio sanitaria Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Grossetana. Tante le telefonate arrivate, ma attenzione: quando il numero è occupato, invece, del consueto segnale si attiva un messaggio che comunica che il numero è irraggiungibile. In questo caso occorre riprovare fino a che una delle quattro linee telefoniche attivate non sarà libera. “Stiamo valutano di attivare domani un’ulteriore linea – dice il direttore Fabrizio Boldrini – ma intanto invitiamo i cittadini ad avere pazienza e insistere: fino alle 18 di oggi gli operatori risponderanno mentre da domani il servizio sarà attivo anche al mattino, dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì, e dalle 9 alle 13 il sabato”.
Ecco i numeri dedicati
0564078441, 0564078442, 0564078443, 0564078444.

Vi si possono rivolgere i cittadini di Arcidosso, Campagnatico, Castel del Piano, Castell’Azzara, Castiglione della Pescaia, Civitella Paganico, Cinigiano, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccalbegna, Roccastrada, Santa Fiora, Scansano Scarlino, Seggiano e Semproniano.

Dopo la valutazione del servizio sociali le famiglie riceveranno dei buoni spesa, da spendere negli esercizi convenzionati, da un minimo di 150 a un massimo di 300 euro a nucleo familiare.