4.11.2020: Firmato dal presidente Conte i nuovo DPCM, in attesa della pubblicazione sulla G.U. la sintesi dei provvedimenti

Le informazioni seguenti sono le consolidate anticipazioni riportate da tutti i principali giornali italiani.

Le norme saranno in vigore da giovedì 5 novembre e  al 3 dicembre.

Il DPCM prevede 3 insiemi di norme:

  1. valide per tutto il territorio nazionale
  2. valide per le regioni/province autonome con “livello 3” (cosiddetto livello “arancione”)
  3. valide per le regioni/province autonome con “livello 4” (cosiddetto livello “rosso”)

Il DPCM affida al ministro della Salute la responsabilità di stabilire «ulteriori misure di contenimento del contagio nelle aree dove il contagio è più alto e le strutture sanitarie sono in sofferenza, sulla base del documento scientifico condiviso con la Conferenza delle Regioni «Prevenzione e risposta Covid-19, evoluzione della strategia per il periodo autunno inverno» che prevede 21 criteri.

1. Norme valide per tutto il territorio nazionale
  • limitazione della circolazione delle persone dalle 22  alle 5;
  • autocertificazione per uscire di casa tra le 22 e le 5 (ragioni di lavoro necessità e salute);
  • chiusura dei musei e delle mostre;
  • didattica a distanza al 100% per le scuole superiori, salvo i laboratori in presenza;
  • per le scuole elementari e medie e per i servizi all’infanzia attività in presenza con uso obbligatorio delle mascherine (salvo che per i bimbi al di sotto dei 6 anni);
  • chiusura nei fine settimana delle medie e grandi strutture di vendita, ad eccezione delle farmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole;
  • riempimento massimo del 50 per cento sui mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale;
  • chiusura di bar e ristoranti alle 18;
  • chiusura dei corner scommesse e giochi nei bar e nelle tabaccherie;
  • forte raccomandazione di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio o per motivi di salute.
Norme valide per le regioni/province autonome con “livello 3” (cosiddetto livello “arancione”)
  • vietato ogni spostamento, in entrata e in uscita, dalla Regione (salvo che per comprovate esigenze di lavoro, salute e urgenza). Saranno consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza ove consentita e sarà consentito il rientro nel proprio domicilio o nella propria residenza;
  • vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel proprio comune
  • sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering. Consentita la ristorazione con consegna a domicilio;
3. Norme valide per le regioni/province autonome con “livello 4” (cosiddetto livello “rosso”)
  • vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione e anche all’interno del territorio stesso (salvo necessità e urgenza);
  • chiusi i negozi al dettaglio, tranne alimentari, farmacie, edicole;
  • chiusi i mercati di generi non alimentari;
  • chiusa l’attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie: consentita la ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto;
  • sospese le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto
  • consentito svolgere individualmente attività motoria (passeggiate) in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina;
  • consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale;
  • attività scolastica in presenza solo per scuola dell’infanzia, elementare e prima media

I provvedimenti saranno valutati su base settimanale, e avranno la durata minima di 15 giorni: se una Regione entra in zona «rossa», vi rimarrà per due settimane almeno.